Crea sito

Baby giraffe killed in the zoo


The perfectly healthy specimen was cut down , disemboweled publicly and thrown to the lions, for official reasons that have to do with his DNA. Shock and dismay around the world .

Its history began in an enclosure at the zoo in Copenhagen, is doing around the world. The killing of Marius , a puppy male giraffe born just 18 months ago, deleted yesterday and then given publicly to the lions , it tells us how far you can push the arrogance of man, that feels right to deprive the freedom animals from afar, and then brutally discard them when the cages are not enough.

Despite the protests of animal rights activists and the international petitions to save his life , Marius - a perfectly healthy specimen - was shot down yesterday morning with a gunshot wound to the head. The managers of Danish does not have even allowed the "grace" of lethal injection , which would have poisoned her flesh .

The carcass of the animal was sectioned for public autopsy in front of zoo visitors - many of them children - and some of its meat was then fed to the lions , " it would be absolutely foolish to throw away a few hundred pounds of meat "he said almost amazed at all the fuss Bengt Holst , scientific director of the zoo in Copenhagen.
Those genes " unwelcome "
The decision to dispose of the giraffe was taken , said the leaders of the zoo, " in accordance to European standards aimed at avoiding inbreeding in the group of giraffes ." Too many copies of the same genetic makeup , in short : " If all the species reproduce well, then you have to accept that there is a surplus of animals that can not be included in the genetic chain without causing problems of inbreeding ," said Holst . Adding that the genetic heritage of Marius , however, is already " well represented " at the zoo .

A fact that could have been prevented , and otherwise manage differently: the sample could have been set free, transferred to another zoo - various European structures , including a park in the Netherlands and the Yorkshire Wildlife Park in England , had offered to host it - or , rather , sterilized . But even this hypothesis has been taken into consideration and Marius was simply prevented from becoming adult. Have prevailed only economic reasons : it was the choice that cost less .
the reactions
"It is an event of unprecedented barbarity of which all must be aware ," said Ilaria Ferri , scientific director of the ENP , the National Animal Protection Agency , which promised that the incident will affect also the European Parliament. "I urge people not to visit the zoo and other facilities in captivity because in this way they become accomplices and co-conspirators of a system of coercion and violence, which deprives animals of their freedom and that often causes death , as happened to the poor giraffe ".

 ESCAPE='HTML'

Cucciolo di giraffa ucciso nello zoo

L'esemplare perfettamente sano è stato abbattuto, sventrato pubblicamente e dato in pasto ai leoni, per motivazioni ufficiali che hanno a che fare con il suo DNA. Choc e sconcerto in tutto il mondo.

La sua storia, iniziata in un recinto dello zoo di Copenhagen, sta facendo il giro del mondo. L'uccisione di Marius, un cucciolo maschio di giraffa nato appena 18 mesi fa, soppresso ieri e poi dato pubblicamente in pasto ai leoni, ci dice quanto in là possa spingersi l'arroganza dell'uomo, che si sente in diritto di privare della libertà animali provenienti da lontano, per poi brutalmente disfarsene quando le gabbie non bastano più.

Nonostante le proteste degli animalisti e le petizioni internazionali per salvargli la vita, Marius - un esemplare perfettamente in salute - è stato abbattuto ieri mattina con un colpo di pistola alla testa. I responsabili della struttura danese non gli hanno concesso nemmeno la "grazia" di un'iniezione letale, che avrebbe avvelenato le sue carni.

La carcassa dell'animale è stata sezionata per un'autopsia pubblica davanti ai visitatori dello zoo - molti dei quali bambini - e parte delle sue carni sono state poi date in pasto ai leoni: «sarebbe assolutamente sciocco buttare via qualche centinaio di chili di carne» ha detto quasi meravigliato di tanto clamore Bengt Holst, direttore scientifico dello zoo di Copenhagen.
Quei geni "sgraditi"
La decisione di disfarsi della giraffa è stata presa, hanno detto i responsabili dello zoo, «in applicazione a norme europee volte ad evitare la consanguineità nel gruppo di giraffe». Troppi esemplari con lo stesso corredo genetico, insomma: «Se tutte le specie si riproducono bene, poi si deve accettare che ci sia un surplus di animali che non possono essere inclusi nella catena genetica senza causare problemi di consanguineità» ha dichiarato Holst. Aggiungendo che il patrimonio genetico di Marius è già comunque "ben rappresentato" all'interno dello zoo.

Un fatto che si sarebbe potuto prevenire, e comunque gestire diversamente: l'esemplare avrebbe potuto essere rimesso in libertà, trasferito in un altro zoo - diverse strutture europee, tra cui un parco in Olanda e lo Yorkshire Wildlife Park in Inghilterra, si erano offerte di ospitarlo - o, piuttosto, sterilizzato. Ma nemmeno quest'ipotesi è stata presa in considerazione e a Marius è stato semplicemente impedito di diventare adulto. Hanno prevalso soltanto le ragioni economiche: è stata la scelta che costava meno.
Le reazioni
«È un evento di una barbarie inaudita di cui tutti devono venire a conoscenza» ha commentato Ilaria Ferri, direttore scientifico dell'Enpa, Ente Nazionale Protezione Animali, che ha promesso che interesserà dell'accaduto anche il Parlamento Europeo. «Invito le persone a non visitare zoo e altre strutture di cattività perché in tal modo si rendono correi e corresponsabili di un sistema coercitivo e di violenza, che priva gli animali della loro libertà e che spesso ne causa la morte, come accaduto alla povera giraffa».